Trends rivisti: autunno-inverno 2015/16

jeans alti

Questo post è disponibile anche in: Inglese

I trend dell’estate 2015 che si ripropongono per questo autunno inverno 2015/2016. Ebbene si.
Parecchie sono le tendenze che ritroviamo ancora una volta sulla passerelle dei più grandi stilisti, nelle vetrine dei negozi e nei nostri armadi.

Secondo il sito ufficiale di Vogue le tendenze per questo autunno sono abiti mini con lustrini o con ampie gonne di tulle. Chi segue la moda sa che anche quest’estate spopolava questo trend ovviamente con colori più vivaci. Seguono pantaloni,gonne e giacche in pelle o meglio ancora finta pelle.

Un’ altro trend è quello degli abiti in pizzo che dominano giù da più di un anno le passerelle. Ritornano anche quest’anno e in prevalenza con colori come il rosso, il bianco e il nero. Io adoro gli abiti in pizzo, li trovo assolutamente sexy, ma anche romantici ed eleganti.

Un’altro trend che invece a mio parere vedremo ancora per molto è quello degli shorts ad alta vita, prevalentemente in tessuto denim. Ovviamente vista la stagione fredda vanno indossati con un paio di collant tinta unita o con qualche dettaglio in pizzo. Belli con uno stivale in stile texano ma anche con un bel décolleté elegante.

A spopolare inoltre, come giù quest’estate, saranno le frange. Frange negli abiti, nelle scarpe, nelle borse e non solo…anche nei capelli. Infatti una tendenza che non va assolutamente dimenticata è quella della frangia. Un po’ spettinata per i look rock-glam e classica per lo stile un po’ più bon ton.

Anche i cappelli in stile Bohémien ero di moda quest’estate e lo saranno ancora per questo inverno.

Vi allego un po’ di foto in modo che possiate dare un’occhiata ai trends che si stanno riproponendo per questa stagione.
Spero l’articolo vi a sia piaciuto.
Un abbraccio e alla prossima
Nunù.

Collana-frangia

 

abito-farrah-pizzo-white-ne

dress jeans alti jeans shorts still-party-HM-minidress-pizzo

Tagli-capelli-con-frangia-tendenza-inverno-2015-470x699

tagli-frangia-2012-sfilata-alla-moda

facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

5 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *